La Global System ict con seduta dell’ 11 dicembre 2015 è stata inserita dal Ministero dello Sviluppo Economico nell'Elenco dei soggetti autorizzati a svolgere corsi di formazione per la certificazione energetica degli edifici, Soggetto autorizzato a svolgere corsi di formazione per la certificazione energetica degli edifici, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 75 e s.m.i. - Certificazione Energetica degli Edifici. 

 

Destinatari del corso:

I corsisti devono essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studi

    • Laurea magistrale conseguita in una delle seguenti classi: LM-4, da LM-22 a LM-24, LM-26, LM-28, LM-30, LM-31, LM-33, LM-35,LM-53, LM-69,LM-73, di cui al decreto del Ministro dell'università e della ricerca in data 16 marzo 2007, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 157 del 9 luglio 2007, ovvero laurea specialistica conseguita nelle seguenti classi: 4/S, da 27/S a 28/S, 31/S, 33/S, 34/S, 36/S, 38/S, 61/S, 74/S, 77/S, di cui al decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica in data 28 novembre 2000, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23 gennaio 2001, ovvero corrispondente diploma di laurea ai sensi del decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca in data 5 maggio 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 196 del 21 agosto 2004;
    • Laurea conseguita nelle seguenti classi: L7, L9, L17, L23,L25, di cui al decreto ministeriale in data 16 marzo 2007, pubblicatone nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 155 del 6 luglio 2007, ovvero laurea conseguita nelle classi: 4, 8, 10, 20, di cui al decreto ministeriale in data 4 agosto 2000, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2000;
    • Diploma di istruzione tecnica, settore tecnologico, in uno dei seguenti indirizzi e articolazioni: indirizzo C1 'meccanica, meccatronica ed energia' articolazione 'energia', indirizzo C3'elettronica ed elettrotecnica' articolazione 'elettrotecnica', di cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 88, ovvero, diploma di perito industriale in uno dei seguenti indirizzi specializzati: edilizia, elettrotecnica, meccanica, termotecnica, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n. 1222, e successive modificazioni;
    • Diploma di istruzione tecnica, settore tecnologico indirizzo C9 'costruzioni, ambiente e territorio', di cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 88, ovvero diploma di geometra;
    •  Diploma di istruzione tecnica, settore tecnologico indirizzo C8 'agraria, agroalimentare e agroindustria' articolazione 'gestione dell'ambiente e del territorio', di cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 88, ovvero diploma di perito agrario o agrotecnico.

Durata complessiva del corso: n. 80 ore (di cui 16 ore di esercitazioni pratiche pari al 20% del monte ore totale del corso):

LE NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER LA STIMA DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Presentazione del Corso

 

Ente Proponente

Quadro legislativo

Inquadramento legislativo e normativo

·         la legislazione europea, nazionale e regionale per l'efficienza energetica degli edifici: le direttive europea sull’efficienza energetica (direttiva 2002/91/CE, direttiva 2010/31/UE, 2012/27/UE);

·         la normativa nazionale (D.P.R. 412/93, DLgs. 192/05, dlgs. 311/06, DLgs. 115/2008, L. 133/2008, DPR 59/09, D.M. 26/6/2009, dlgs. 28/2011, Decreto Ministero dello Sviluppo Economico 22/11/2012, L. 90/2013, DPR 75/2013)

·         le procedure di certificazione.

·         la normativa tecnica le norme armonizzate CEN; le norme nazionali UNI TS 11300.

·         obblighi e responsabilità del certificatore: aspetti giuridici e gestione del contenzioso: analisi delle problematiche legali e delle possibili soluzioni.

4,0

 

Bilancio energetico e indicatori di prestazione energetica degli edifici

Le basi del bilancio energetico del sistema edificio-impianto termico

Le prestazioni energetiche dei componenti dell’involucro:

-          fondamenti di trasmissione del calore attraverso strutture opache e trasparenti;

-          aspetti da considerare nel calcolo delle trasmittanze;

-          esempi di soluzioni progettuali che garantiscano il rispetto delle trasmittanze minime previste dalla normativa vigente;

-          valutazione della trasmittanza di strutture nuove ed esistenti.

3,0

 

Esercitazione: il calcolo dell’EPgl di un edificio esistente con il metodo semplificato.

1,0

 

Criteri per il calcolo della prestazione energetica di progetto secondo le UNI TS 11300

UNI TS parti 1, 2 e 4. Cenni sui contenuti delle UNI TS parte 3.

4,0

 

Metodologie di determinazione del rendimento energetico di un edificio

Involucro edilizio.

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento delle prestazioni di edifici esistenti e di nuovi edifici:

-          Materiali e tecnologie, prestazioni energetiche dei materiali;

-          Criteri e metodi di valutazione economica degli investimenti;

-          Esempi di soluzioni progettuali per il miglioramento della prestazione energetica di involucri edilizi esistenti.

3,0

 

Esercitazione pratica

1,0

 

Efficienza energetica degli impianti per la climatizzazione invernale e la produzione di ACS ed impianti per la climatizzazione estiva

Efficienza energetica degli impianti:

-          fondamenti di impianti termici esistenti e di ultima generazione;

-          aspetti da considerare nel calcolo dei rendimenti (prEN 15316-1 calcolo del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti – parte generale).

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell’efficienza energetica degli impianti, con particolare riguardo alle soluzioni innovative suggerite dalla legislazione vigente (caldaie a condensazione, pompe di calore, valvole termostatiche, ecc.): materiali e tecnologie, prestazioni energetiche dei materiali; marcatura CE; valutazioni economiche degli investimenti prEN15459.

4,0

 

Efficienza energetica e risparmio energetico nel settore dell’illuminazione pubblica:

·         Il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES);

·         Ridurre i consumi migliorando l’efficienza energetica dell’illuminazione pubblica

Esercitazione pratica:

Esempi di soluzioni tecniche per il miglioramento della prestazione energetica di impianti esistenti, anche attraverso interventi di efficientamento e/o di integrazione.

4,0

 

Qualità del sito

Analisi dei fattori climatici, ambientali e delle specifiche territoriali e urbanistiche dei siti. Analisi della contaminazione, del livello di  urbanizzazione, dell’accessibilità a sevizi dei siti.

2,0

 

Consumo di risorse – Qualità energetica

·         Fondamenti di energetica

·         Prestazioni energetiche degli edifici

·         Trasmittanza termica del’involucro edilizio

·         Penetrazione diretta della radiazione solare

·         Controllo della radiazione solare

·         Inerzia termica degli edifici

·         Energia e impianti elettrici

·         Energia e impianti per la produzione di acqua calda sanitari

·         Verificazione naturale degli edifici

2,0

 

Tipologie e caratteristiche degli impianti di produzione ed utilizzo di energia da fonti energetiche rinnovabili

L'utilizzo e l'integrazione delle fonti rinnovabili. Le fonti di energie rinnovabili: biomasse, geotermia, solare termico, solare fotovoltaico, eolico, cogenerazione ad alto rendimento, ecc.: Potenzialità e livelli ottimali di dimensionamento degli impianti, anche in riferimento alle opportunità di integrazione con reti/vettori esistenti. Risparmio energetico e “building automation”: soluzioni impiantistiche per il controllo e l’automazione di funzioni connesse all’utilizzo degli edifici.

3,0

 

Esercitazione pratica:

Esercitazione pratica: esempi di dimensionamento di impianti a fonti rinnovabili a servizio dei fabbisogni energetici degli edifici.

1,0

 

Consumo di risorse – materiali eco-compatibili

Uso di materiali eco-compatibili nell’edilizia

Uso delle risorse idriche per uso potabile

4,0

 

Carichi ambientali degli edifici

Calcolo delle emissioni di CO2

Gestione delle acque reflue

Effetto isola di calore

4,0

 

Comfort abitativo e domotica

Qualità ambientale indoor

Ventilazione degli edifici

Benessere termolgrometrico, visivo e acustico

Inquinamento elettromagnetico

Inquinamento da Radon

4,0

 

Esercitazione pratica:

Esercitazione pratica: Soluzioni progettuali e costruttive bioclimatiche (serre solari, sistemi a guadagno diretto, ecc.) e criteri di progettazione in relazione alle caratteristiche del sito; sistemi efficienti di illuminazione, concetti di domotica, esemplificazione di impianto domotico.

4,0

 

Qualità del servizio

Controllo degli impianti (BACS e TBM)

Mantenimento delle prestazioni in fase operativa (documentazione tecnica degli edifici, piani di manutenzione, mantenimento delle prestazioni dell’involucro esterno)

Aree comuni degli edifici (supporto all’uso di biciclette, aree attrezzate per la gestione dei rifiuti, aree ricreative, accessibilità)

4,0

 

Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e preparazione acqua calda sanitaria

Definizione dei dati d’ingresso e delle modalità di calcolo per la determinazione:

·         del fabbisogno mensile di vettori energetici dei sottosistemi di generazione con pompe di calore per riscaldamento e/o produzione di acqua calda sanitaria;

·         della quota di fabbisogno di energia utile della distribuzione a carico di sistemi di back-up, altri sistemi di generazione da calcolarsi con le pertinenti parti della presente norma;

·         in accordo con la metodologia di calcolo specificata dalle Parti 1 e 2 della UNI TS 11300 per quanto riguarda l’edificio e l’impianto.

4,0

 

Impianti termici:

·         fondamenti e prestazione energetiche delle tecnologie tradizionali e innovative;

·         soluzioni progettuali e costruttive per l'ottimizzazione dei nuovi impianti e della ristrutturazione degli impianti esistenti.

Impianti di riscaldamento ad acqua calda - Prescrizioni di sicurezza - Requisiti specifici per impianti con generatori alimentati da combustibili solidi non polverizzati, con caricamento manuale o automatico

4,0

 

Metodi e sistemi di classificazione/certificazione della sostenibilità ambientale

Eco-compatibilità dei materiali, dei componenti e dei sistemi utilizzati per la costruzione, con particolare riguardo al ciclo di vita (LCA); metodi e sistemi di classificazione/certificazione della sostenibilità ambientale degli edifici. Piani di Azione per l’Energia Sostenibile e pianificazione energetica.

4,0

 

Analisi tecnico economica degli investimenti, in relazione ai sistemi incentivanti in vigore e cenni sulle procedure.

Analisi tecnico economica degli investimenti per l’efficienza energetica e l’installazione di impianti a fonti rinnovabili.

Valutazione costi/benefici e cenni di ingegneria finanziaria;

Modalità di finanziamento ed incentivi per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici.

4,0

 

Esercitazione pratica:

Esercitazione pratica: esempi di calcolo costi/benefici degli interventi di efficienza energetica e installazione di impianti a fonti rinnovabili con particolare attenzione agli edifici esistenti.

4,0

 

Project work: Esercitazione pratica:

Certificazione energetica di un edificio esistente complesso.

Esercitazioni all'utilizzo di un software certificato dal CTI.

Determinazione del rendimento energetico e redazione del relativo attestato di prestazione energetica (APE) con utilizzo di software certificato dal CTI. Il project work sarà svolto in aula con l’ausilio di un PC per ogni partecipante.

8,0

 

CASE STUDY

Caso pratico di eliminazione dei ponti termici, materiali , soluzione e applicazioni

8,0

 

ESAME FINALE

L’esame si svolgerà nelle seguenti fasi:

-          Redazione di un APE e di un elaborato progettuale: L’elaborato progettuale consisterà nella redazione di un APE di un edificio esistente a scelta del candidato e di una relazione di accompagnamento in cui dovranno essere indicate le modalità di effettuazione dell’APE, la normativa di riferimento, le metodologie seguite.

-          Prova scritta: test di 20 domande a risposta multipla da completare in 60 minuti, sugli argomenti trattati in tutti i moduli del corso;

-          Prova orale subordinata al superamento delle precedenti prove : discussione dell’APE e della relativa relazione tecnica

 

 

Saranno ammessi a sostenere la prova finale solamente coloro che hanno totalizzato il 85% di presenze del monte ore complessivo

 

 

 

Sede: Global System ict - Via Italia n. 1 - 84044 Albanella (SA);

Numero partecipanti: Max n. 35 partecipanti per classe.

Esame finale: Verranno ammessi agli esami coloro i quali parteciperanno almeno all'85% del monte ore totale del corso.

ATTESTAZIONI: Attestato finale di frequenza con verifica di apprendimento previo il superamento dell'esame finale valido per l'iscrizione negli elenchi regionali dei Certificatori Energetici.

Dettagli